top of page

La Medicina e la Scienza convalidano la Guarigione Reiki

Scientists

Reiki usato come Terapia Complementare in OSPEDALI e CLINICHE :

Tucson Medical Center in Arizona, Portsmouth Regional Hospital nel New Hampshire e Memorial Sloan-Kettering Hospital a New York. Il Reiki è offerto anche ai pazienti dell'Hospital of the University of Pennsylvania (HUP) Medical School, del Columbia Presbyterian Medical Center, del Marian General Hospital e del California Pacific Medical Center.

A Cleveland, gli ospedali stanno valutando la creazione di una specifica clinica Reiki. Nel Vermont esiste già una clinica di medicina complementare presso il Windsor Hospital dove lavorano i praticanti di Reiki. Nuovi ospedali vengono aggiunti all'elenco quasi ogni giorno.

http://www.reiki-research.co.uk/references.html

Il governo degli Stati Uniti riconosce il Reiki come medicina complementare

Reiki e cancro al seno

Reiki negli ospedali

La Clinica Reiki nel Tucson Medical Center USA

Il posto del Reiki è negli ospedali

La scienza convalida la guarigione Reiki

La scienza misura i campi energetici umani

I Campi Energetici Umani

Ricerca medica bibliografica sugli effetti del Reiki

Il governo degli Stati Uniti riconosce il Reiki come Medicina Complementare

http://nccam.nih.gov/health/whatiscam/


Il Centro Nazionale per la Medicina Complementare e Alternativa (NCCAM), un componente del National Institute of Health, per informazioni riguardanti il funzionarioriconoscimento del Reiki. Contiene anche informazioni sui test ufficiali e sulla ricerca che vengono effettuati con il Reiki.
http://www.reiki.org/reikinews/ComplimentsTradM
edicine.html

Man mano che il Reiki diventa più conosciuto, si sta cercando un modo per definire il suo posto in relazione alla medicina tradizionale. Anche se in passato ho sempre considerato Reiki come cura alternativa, negli ultimi 3 mesi diversi eventi mi hanno costretto a ripensare le mie idee. Ora definisco il posto del Reiki nella medicina convenzionale complementare e non alternativa. Ho visto in tre occasioni come il Reiki ha aiutato i grandi nei trattamenti medici convenzionalir bene del paziente.
Di recente sono stato invitato a tenere una presentazione sul Reiki in una casa di cura. I pazienti presso la residenza avevano un'età compresa tra 50 e 92 anni. Ognuno aveva diversi problemi di salute. Tutti avevano il fattore comune che non potevano più prendersi cura di se stessi, motivo della loro permanenza nella residenza .Il Reiki ha aiutato in questo contesto da un punto di vista psicologico. Dopo aver ricevuto Reiki, il direttore del centro ha osservato che ciascuno dei detenuti aveva un atteggiamento più positivo nei confronti della propria situazione. Uno di loro, famoso per lamentarsi sempre, ha lasciato la sua sessione di Reiki commentando quanto si sentiva bene e quanto gli piacevano le persone intorno a lui. Un altro ha commentato che dopo una seduta ha avuto l'impressione di poter vincere tutte le battaglie della sua vita.
La seconda situazione stava usando Reiki nel contesto di trattamenti con radiazioni. A David è stato rimosso un tumore dal collo in ottobre. Ha iniziato i trattamenti con radiazioni a novembre. I medici inizialmente gli hanno dato sei mesi di vita. All'inizio i suoi livelli di energia erano molto bassi, si sentiva "sconfitto" sia dal suo corpo che dalla vita stessa. Ha iniziato a ricevere sessioni tre volte a settimana, subito dopo le sue sessioni di radiazioni. Nel tempo, il suo livelli di energia aumentatie il suocorpo equilibrato. Sono dovuto stare fuori città per due settimane e quando sono tornato, David mi ha detto che doveva interrompere i trattamenti con le radiazioni perché, senza le sessioni di Reiki, gli mancava l'energia e stava sviluppando effetti collaterali dai trattamenti.

Abbiamo ricominciato e dopo pochi giorni ha potuto ricevere nuovamente le cure e completare il ciclo. I suoi medici sono rimasti sbalorditi dalla velocità della sua guarigione e dalla mancanza di effetti collaterali. David disse loro che lo attribuiva alle sessioni di Reiki che riceveva. Durante la sua ultima visita dal suo medico, è stata informata che la sua aspettativa di vita era aumentata enormemente a causa del suo atteggiamento e dei trattamenti.
Reiki aiuta anche prima e dopo l'intervento chirurgico. Hutch era preparato per un operazione per cancro alla prostata. 
R. ha ammesso di non aver sopportato bene il dolore. Sono arrivato in ospedale e gli ho dato Reiki per un'ora e mezza prima del suo intervento. Rimase calmo e rilassato. Entrò nella stanza senza problemi. Ero nella sua stanza quando è tornato. Le complicazioni durante l'intervento hanno allungato l'intervento da 2 ore e mezza a cinque.
Gli ho dato Reiki per due ore. Lui aveva nessun effetto collaterale dall'anestesia e mi ha parlato in modo coerente per tutto il tempo. Ho continuato a dargli Reiki ogni giorno per un'ora o due. Secondo il team medico, erano attese complicazioni postoperatorie tra cui eruzioni cutanee, vomito e dolore e febbre alta. Hutch non aveva nessuno di questi sintomi. È stato un lavoro di squadra, i medici e gli infermieri dell'ospedale hanno fornito un'assistenza eccellent
e e il Reiki ha sempre integrato questo lavoro.

Reiki e Cancro al Seno

Reiki e cancro al seno
di Margaret Dubay Mikus, Ph.D.

https://www.reiki.org/articles/reiki-and-breast-cancer

Per natura, sono una persona pratica e cauta. Il mio background è scientifico e ho un B.S. (Bachelor of Science) in Zoologia e un dottorato di ricerca. in Microbiologia. Le Malattie Gravi hanno trasformato la mia vita in molti modi, introducendomi nel mondo della medicina complementare.
Usando la mia combinazione di terapie, sono riuscito a curarmi dalla sclerosi multipla. Nel giugno 1996 mi è stato diagnosticato due diversi tipi di cancro, uno in ciascun seno. A quel tempo avevo solo 44 anni e avevo pochi dei fattori di rischio associati al cancro al seno.
Dopo molte riflessioni, ho deciso di combinare la medicina convenzionale con la mia combinazione di terapie non convenzionali. Ho integrato chirurgia, chemioterapia, radiazioni, Reiki, connessione spirituale, equilibrio energetico, visualizzazione, psicoterapia e yoga. Crea un nucleo di sostegno con la mia famiglia per inviarmi le tue preghiere e la tua energia positiva. Ad ogni passo, ho usato Reiki, a volte in modi insoliti.

Non mi sono mai sentito impotente perché potevo usare il Reiki.
Ho usato Reiki direttamente sul tumore più grande, che non è andato via, ma secondo il referto patologico, il cancro si stava decomponendo. Potrebbero esserci altre spiegazioni oltre al Reiki, ma è stato un risultato curioso.
Dopo l'operazione, ho inviato Reiki direttamente sulle aree fasciate. Sebbene sia stata rimossa una grande quantità di tessuto, ho richiesto solo farmaci antidolorifici per un giorno dopo una doppia mastectomia parziale. Le cicatrici sono state minime e interne il recupero è stato incredibile. Gran parte del tessuto si è rigenerato!
Credo che questo sia il futuro del Reiki, che ogni individuo possa trovare una combinazione di strumenti di guarigione adatta a sé, scegliendo da un "menu" di possibilità. 

http://www.lvnh.com/reiki.htm

In un altro studio su malati di cancro il risultato del Reiki é stato sorprendente. I pazienti hanno sperimentato una riduzione degli effetti collaterali della chemioterapia, nonché una riduzione del dolore muscolare, della stanchezza e un recupero più rapido dall'anestesia. Anche noi  riportato una sensazione generale di benessere e relax. Alcuni pazienti e infermieri hanno imparato il Reiki come risultato della loro esperienza. Anche l'infermiera più riluttante, che a malapena ci parlava, alla fine ci chiese una seduta

A Driver Picks Up an Old Lady and Experiences a Ride He’ll Never Forget.jpg

Casa di cura a lunga vista La Long View Nursing Home ha iniziato a offrire Reiki ai suoi residenti che ne soffrivano Alzheimer's nel 1999. I risultati mostrano che calma i pazienti, riduce il dolore e l'irritabilità, li aiuta a dormire e soprattutto dà loro il tanto necessario contatto umano.

http://www.fortune.com/fortune/doctor/0,15704,372957,00.html

In questo articolo, un medico della Mayo Clinic commenta che il 40% degli americani usa la medicina alternativa come complemento ai trattamenti convenzionali, incluso il Reiki. http://www.simplyreiki.co.uk/reiki_andhiv.htm

La "Guarigione a Distanza" può aiutare i casi di HIV?  Di Steven Bratman, MD

p://www.simplyreiki.co.uk/reiki_andhiv.htm

Molte religioni hanno una tradizione di guarigione attraverso la preghiera e la meditazione. Un recente studio ha provato a convalidare se queste pratiche possono aiutare i malati.


Questo studio ha valutato gli effetti della guarigione spirituale a distanza. Nello studio, 40 persone con AIDS avanzato sono state divise casualmente in due gruppi: uno riceveva guarigione a distanza da un gruppo di praticanti di Reiki e uno no. I medici non conoscevano i pazienti ei pazienti non sapevano in quale gruppo si trovassero. Anche i ricercatori che valutavano i progressi dei partecipanti non sapevano in quale gruppo si trovassero. Pertanto, lo studio è stato chiamato "doppio cieco".
I trattamenti sono stati somministrati a distanza 6 giorni a settimana per 10 settimane e i partecipanti sono stati seguiti per un totale di sei mesi. Alla fine dello studio, i ricercatori hanno esaminato i progressi medici di tutti i partecipanti allo studio, rivedendo il loro quadro clinico e il questionario sulla qualità della vita.
La condizione generale dei partecipanti è stata esaminata utilizzando 11 misure predeterminate. I ricercatori non hanno fornito dati specifici su queste misure, ma hanno confermato che i pazienti del gruppo di trattamento erano più sani alla fine dello studio rispetto al gruppo di controllo: avevano meno malattie correlate all'AIDS, la gravità delle loro malattie era meno, i loro periodi di ricovero sono stati più brevi e hanno mostrato un miglioramento dello stato psicologico.

Reiki negli ospedali
http://www.reiki.org/Healing/reiki_in_hospitals.html
di William Lee Rand

Negli ospedali e nelle cliniche di tutta l'America, il Reiki sta iniziando ad essere accettato come un metodo significativo e a basso costo per migliorare la cura del paziente. "Le sessioni di Reiki aiutano i pazienti a guarire più velocemente e con meno dolore", afferma Marilyn Vega, RN, infermiera al Manhattan Hospital di New York. Reiki accelera i recuperi chirurgici, migliora gli atteggiamenti mentali e riduce gli effetti negativi dei farmaci e di altre procedure mediche.
Vega, una Reiki Master, include il Reiki nelle sue pratiche regolari come infermiera. La sua fama in ospedale si diffonde di bocca in bocca e sia i pazienti che il personale ospedaliero richiedono sessioni di Reiki nelle sale operatorie e post-operatorie. Inoltre, le è stato chiesto di applicare il Reiki ai malati di cancro presso lo Sloane Kettering Memorial Hospital, compresi i pazienti sottoposti a trapianto di midollo osseo. Dopo aver riconosciuto i benefici dei trattamenti Reiki, 6 medici e 25 infermieri sono stati formati per offrire sessioni di Reiki.
Il Reiki viene accettato dai praticanti tradizionali. In alcuni ospedali, viene incorporato nell'elenco dei servizi offerti ai pazienti, spesso dai loro stessi medici e infermieri precedentemente formati per dare Reiki.


Perché agli ospedali piace il Reiki
Gli ospedali stanno vivendo importanti cambiamenti. Devono tagliare i costi ma allo stesso tempo migliorare l'assistenza ai pazienti. Sotto il vecchio modello di farmaci e tecnologia costosa, questo presenta un dilemma intrattabile. Ma questo non è il caso del Reiki e di altre modalità complementari. Reiki non richiede tecnologia e molti dei suoi praticanti offrono i loro servizi gratuitamente. Di conseguenza, Reiki è un ottimo modo per migliorare la cura del paziente riducendo le spese.

Julie Motz, praticante di Reiki, ha lavorato con il Dr. Mehmet Oz, un noto chirurgo cardiotoracico presso il Columbia Presbyterian Medical Center di New York. Motz usa Reiki e altre tecniche per bilanciare l'energia del paziente durante le procedure. Ha assistito il dottor Oz in sala operatoria durante procedure a cuore aperto e trapianti di cuore. Motz osserva che nessuno degli 11 pazienti trattati soffriva di depressione postoperatoria, i pazienti sottoposti a bypass non soffrivano di dolore postoperatorio o debolezza alle gambe e i trapiantati non hanno avuto rigetto d'organo.
Il dottor David Guillion, un oncologo del Marin General, ha dichiarato: "Credo che dobbiamo fare tutto ciò che è in nostro potere per aiutare il paziente. Abbiamo la tecnologia e la medicina più recenti, ma la guarigione è un processo multidimensionale. Sostengo l'idea che ci sia è il potenziale per guarire usando l'energia."

Evidenze Scientifiche in vari Ospedali Americani

Reiki nei diversi ospedali americani. Evidenze scientifiche. La Clinica Reiki del Tucson, Arizona Medical Center, ha un team di praticanti Reiki che offrono Reiki ai pazienti nelle loro stanze. Il programma è stato coordinato da Sally Soderlund, RN, responsabile dei servizi di supporto oncologico. Il programma iniziò nel maggio 1995. Tre Reiki Master cercarono di aprire una clinica, ma non avevano i fondi necessari. Alla ricerca di soluzioni al problema, contattarono Sanday Haywood, amministratore del Tucson Medical Center, e si offrirono di tenere sessioni ai pazienti ospedalieri. Haywood era aperto alle cure di supporto e ha reso facile l'avvio del programma. Il programma è iniziato nel Dipartimento di cura del cancro ma da allora si è esteso ad altri reparti dell'ospedale. Il team Reiki spiega la procedura ai pazienti prima di iniziare il trattamento. All'inizio cercano di non usare la parola "Reiki", concentrandola maggiormente sul contesto di "energia per guarire". Vengono informati di come questa energia esiste nel corpo ma che si riduce quando una persona è malata e che le sedute consistono nell'aumentare questa energia. Sono giunti alla conclusione che è meglio non usare termini come aura, chakra, ecc. perché tendono a confondere il paziente. Funziona meglio semplicemente spiegando che il contatto manuale è qualcosa che piace a tutti. Hanno anche imparato ad usare la parola Reiki "sessione" invece di "trattamento" per ridurre l'ansia del paziente. Il motivo principale per cui il programma ha così tanto successo è che ai pazienti piace il Reiki e lo richiedono. I pazienti apprezzano la sessione e chiedono di più dopo la loro prima esperienza. Gli infermieri hanno anche notato che il Reiki ha effetti positivi sui pazienti, riducendo il dolore, aumentando il rilassamento e migliorando il sonno e l'appetito. Reiki presso l'Ospedale Regionale di Portsmouth (USA) Patricia Alandy è un'infermiera e maestra di Reiki. È vicedirettore dei servizi chirurgici presso l'ospedale di Portsmouth, nel New Hampshire. Con il supporto della Direzione è riuscito a rendere disponibile il Reiki ai pazienti del Reparto di Chirurgia. Le sessioni di Reiki vengono impartite da 20 membri del team medico che Patricia ha formato nella pratica del Reiki, tra cui infermieri, medici, terapisti, tecnici e altri membri del team. I servizi Reiki sono iniziati nel 1997 e 400 pazienti hanno ricevuto sessioni. Il programma Reiki del California Pacific Medical Center Il California Pacific Medical Center è uno dei più grandi ospedali della California settentrionale. La sua clinica di salute e guarigione aiuta i malati cronici e gravi utilizzando un'ampia gamma di medicine complementari, incluso il Reiki. La clinica dispone di sei sale di trattamento con due medici, il dottor Mike Cantwell, un pediatra specializzato in malattie contagiose e un Reiki Master, e la dottoressa Amy Saltzman, una specialista in medicina interna con formazione aggiuntiva in agopuntura e meditazione. Lavorano a stretto contatto con i medici di base locali per determinare il modo migliore per trattare il paziente utilizzando un questionario dettagliato. La clinica è molto popolare, con una lista d'attesa di oltre 100 pazienti. Il dottor Cantwell afferma: "Il Reiki è molto utile per il trattamento di malattie gravi come danni muscolari e ossei, infezioni gravi e asma. Il Reiki è utile anche per il trattamento di malattie croniche, specialmente quelle che causano molto dolore". http://www.reikifed.co.uk/hospitals.htm Il luogo del Reiki è negli ospedali. di Carole Easton Da quando ho scoperto il Reiki, sapevo che dovevo introdurlo negli ospedali e ho pensato che il modo migliore fosse attraverso infermieri e medici. In questo modo, potrebbero presentarlo ai loro pazienti. Avevo bisogno di dare l'esempio e alla Lynden Hill Clinic ho fondato la prima Clinica Reiki in Inghilterra. Nel corso degli anni, la maggior parte del nostro team, inclusi medici, infermieri e personale amministrativo, hanno imparato il Reiki e lo utilizzano quotidianamente. Offriamo workshop e corsi continui per medici e infermieri di altri ospedali che vengono ad apprendere la tecnica. I benefici sono molteplici e riteniamo che la Lynden Hill Clinic sia un meraviglioso esempio di come funziona il Reiki in un contesto medico. I vantaggi del Reiki in ospedale Reiki è così semplice. Non necessita di preparazione e può essere utilizzato ovunque in ospedale, compresi interventi chirurgici, terapia intensiva, ambulatori, ecc. Può essere utilizzato in combinazione con qualsiasi trattamento. Non ha effetti collaterali o controindicazioni. Il paziente può essere seduto, sdraiato o in piedi. Funziona attraverso il cast. Il Reiki non dipende dallo stato di coscienza della persona che lo riceve. Il paziente può trovarsi in coma o in terapia intensiva senza che ciò costituisca un impedimento ai trattamenti Reiki. Solo pochi minuti di Reiki possono cambiare drasticamente la situazione del paziente. Lo stress diventa pace e il panico scompare, per questo è molto utile nelle situazioni di emergenza. Gli infermieri che lavorano nelle unità pediatriche scoprono che i bambini rispondono molto bene al Reiki. I bambini non hanno idee preconcette sulla guarigione, motivo per cui sono molto aperti a questa terapia. http://www.healing.co.uk/comp/federationform.html Reiki e il Principe Carlo d'Inghilterra Se sei un praticante Reiki e sei interessato a lavorare con la previdenza sociale, il governo sta finanziando il sostegno affinché ciò accada, seguendo il desiderio del principe Carlo di integrare la medicina in Gran Bretagna. Il 5 giugno 1998, 28 Reiki Master e praticanti si sono riuniti sotto le Integrated Care Organizations (ICO), l'ente governativo responsabile dell'organizzazione della medicina complementare. L'ICO è sovvenzionato dal Dipartimento dell'Istruzione e dell'Occupazione e dal Dipartimento del Commercio e dell'Industria. È stato creato un comitato per esplorare la possibilità di istituire un'organizzazione nazionale per l'educazione, la formazione e il monitoraggio del Reiki nella sfera pubblica. http://www.reiki.org/reikinews/2-9-01/how_we_got_reiki_in_to_the_hosp.html

Tecnologia Kirlian Reiki

In Russia, la ricerca scientifica sul Campo biomagneticoha portato a diverse scoperte. Uno di questi è la Kirlian Camera, che cattura questo campo quando una parte del corpo entra in contatto con una lastra fotografica, e il Macchina per la visualizzazione delle scariche di gas, inventato nel 1939 dal dottor K. Korotkov. http://www.reiki-4-all.com/kirlian.html

La scienza convalida la guarigione con il Reiki
Guarigione spirituale
Questo è uno dei pochi studi a lungo
termine sulla Guarigione Spirituale.
Adina Leah Goldman Shore, Ph.D.,

Effetti a lungo termine dei sistemi di guarigione energetica sui sintomi della depressione psicologica e dello stress auto-percepito.

Istituto di Psicologia Transpersonale, 2002.


Estratto abbreviato: La presente indagine ha esaminato gli effetti a lungo termine del Reiki sui sintomi della depressione psicologica e dello stress percepito secondo le scale Beck Depression Inventory (BDI), Beck Hopelessness (HS) e Perceived Stress (PSS).
Cinquanta partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a uno dei tre gruppi: guarigione pratica Reiki (Gruppo 1), guarigione Reiki senza mani (Grup
po 2) o un gruppo placebo Reiki remoto (Gruppo 3), senza sapere quale fosse. il metodo di trattamento. I dati sono stati presi prima dell'inizio del trattamento, dopo 6 settimane dopo i trattamenti e un anno dopo aver terminato i trattamenti.
Non ci sono state differenze significative tra i gruppi all'inizio del trattamento, ma i gruppi hanno mostrato notevoli differenze dopo i trattamenti rispetto ai gru
ppi di controllo nell'area di riduzione dei sintomi di stress e depressione. Un anno dopo, questi risultati sono stati mantenuti.


Come risultato di questi test, la presente ricerca raccomanda l'integrazione della guarigione energetica nei sistemi sanitari tradizionali.

http://www.reiki.org/reikinews/ScienceMeasures.htm

Il campo elettromagnetico del cuore

La Scienza misura il campo energetico umano

L'energia è un argomento che viene discusso in molti aspetti dei trattamenti complementari, incluso il Reiki. Per ragioni storiche ed emotive, ci sono due parole che non sono menzionate nei circoli accademici "rispettabili": energia e guarigione pratica. Quindi non è una sorpresa che la terapia Reiki sia stata ignorata dalla scienza biomedica tradizionale.
Ma questa situazione sta cambiando rapidamente a causa di importanti ricerche in tutto il mondo. Il modo in cui concetti come "energia che guarisce" sono passati dall'essere visti con sospetto e ridicolo all'essere rispettati è una delle cose più affascinanti e clinicamente rilevanti accadute negli ultimi tempi.
Come accade in molti campi di ricerca, cosa che 20 anni fa era "dimostrata" non esistere, oggi si dimostra il contrario. Ad esempio, in questo periodo di tempo, gli scienziati sono passati dall'assoluta convinzione che il corpo non abbia un campo energetico alla consapevolezza che esiste.

La maggior parte delle persone semplicemente non è a conoscenza di questa ricerca e persiste nella convinzione che non esista una base logica per la guarigione energetica.
La ragione principale di questo cambiamento di atteggiamento è stata lo sviluppo di strumenti sufficientemente sensibili da rilevare minuscoli campi energetici intorno al corpo umano.

Di particolare rilevanza è il magnetometro SQUID, che è in grado di rilevare minuscoli campi biomagnetici associati alle attività fisiologiche del corpo. Questi stessi campi sono stati finora ignorati dagli scienziati perché non c'era modo di misurarli.

Il modo in cui concetti come "energia che guarisce" sono passati dall'essere visti con sospetto e ridicolo all'essere rispettati è una delle cose più affascinanti e clinicamente rilevanti avvenute negli ultimi tempi. Come accade in molti campi della ricerca, ciò che 20 anni fa era “dimostrato” non esisteva, oggi è dimostrato il contrario. Ad esempio, in questo periodo di tempo, gli scienziati sono passati dall'assoluta convinzione che il corpo non abbia un campo energetico alla consapevolezza che esso esiste. La maggior parte delle persone semplicemente non è a conoscenza di questa ricerca e persiste nella convinzione che non esista una base logica per la guarigione energetica. La ragione principale di questo cambiamento di atteggiamento è stata lo sviluppo di strumenti sufficientemente sensibili da rilevare minuscoli campi energetici attorno al corpo umano. Di particolare rilevanza è il magnetometro SQUID, in grado di rilevare minuscoli campi biomagnetici associati alle attività fisiologiche del corpo. Questi stessi campi sono stati finora ignorati dagli scienziati perché non c’era modo di misurarli.

Il Campo Energetico Umano
È noto da anni che le attività delle cellule e dei tessuti generano campi elettrici rilevabili sulla superficie della pelle. Ma le leggi della fisica affermano che qualsiasi corrente elettrica deve generare il suo corrispondente campo magnetico nello spazio circostante. Poiché questi campi erano troppo piccoli per essere rilevati, i biologi hanno concluso che non avevano alcun significato fisiologico.
La situazione iniziò a cambiare nel 1963. Gerhard Baule e Richard McFee del Dipartimento di Ingegneria Elettrica della Syracuse University, NY, rilevarono il campo biomagnetico proiettato dal cuore umano. Hanno usato due bobine di filo metallico, ciascuna con 2 milioni di spire, collegate a un amplificatore.

Nel 1970, David Cohen del MIT, usando un magnetometro SQUID, confermò i risultati.

Nel 1972, Cohen ha migliorato la sua attrezzatura in modo da poter misurare i campi magnetici generati dall'attività cerebrale intorno alla testa.


Le Patologie alterano il Campo Biomagnetico:
Negli anni '20 e '30, un ricercatore della Yale University School of Medicine, Harold Saxon Burr, propose la teoria secondo cui le malattie potevano essere rilevate nel campo energetico del corpo prima che si manifestassero fisicamente. Credeva persino che la malattia potesse essere evitata alterando quel campo.
Questi concetti erano troppo avanzati per il loro tempo, ma ora vengono confermati da studi mondiali. Gli scienziati che usano gli strumenti SQUID possono mappare il modo in cui le malattie alterano il campo biomagnetico che circonda il corpo. Altri stanno applicando campi magnetici per stimolare la guarigione.
http://www.risingsunhealing.com/chrisstuff/artMysteryOfReiki.html


Reiki negli Ospedali e nei Centri Medici
Nel libro Reiki Energy Medicine, Reiki Masters Libby Barnett, MSW e Maggie Chambers documentano come le lezioni e le sessioni di Reiki vengono offerte in alcuni os
pedali.

Pazienti, infermieri e medici frequentano questi corsi, presso il Dartmouth-Hitchcock Medical Center nel New Hampshire, che ha sessantacinque professionisti, e il Medical Center del Massachusetts centrale.

http://www.sover.net/~lrsmith/science.htm

Reiki e Scienza
Un tema che spicca oggi è l'apparente divorzio tra spiritualità e scienza.
Un fatto perfettamente comprensibile, considerando che le religioni tradizionali sembrano non dare tanta importanza a questo problema e la necessità che la scienza verifichi la realtà di qualcosa
attraverso una manifestazione fisica di qualche tipo. In altre parole, se non può essere misurato, non esiste.
Per molte persone, l'approccio scientifico è il loro modo principale di vedere le cose; "Se non lo vedo, non ci credo." Io ero uno di loro, e lo sono ancora in una certa misura. Differivo da questo punto di vista solo per il fatto che non ho bisogno di misurare qualcosa se lo vedo funzionare e nel corso degli anni ho avuto una vasta gamma di esempi di come funziona il Reiki.
Nonostante ciò, la possibilità di "dimostrare" che il Reiki è reale e misurabile è qualcosa che mi interessa ancora molto, perché a mio personale parere, se potessimo creare un "ponte" tra scienza e spiritualità, sarebbe di grande aiuto migliorare la vita di tutti noi. Se il nostro lato spirituale non avesse bisogno di un così grande "salto di fede", credo che molte persone sarebbero più disposte ad avvicinarsi a quel lato e vedere come può giovare loro n
ella loro vita quotidiana.
Questa pagina mostra gli studi che sono stati effettuati per cercare di portare il Reiki sul piano fisico, mostrando come il Reiki si manifesta in modi che possono essere concretamente misurati. Tratta anche il tema del Reiki negli ospedali. Molti ospedali negli Stati Uniti e nel Regno Unito. stanno usando Reiki come trattamento complementare, come dimostrano gli articoli.
Nota: questo documento fornisce una descrizione sommaria dell'articolo e il collegamento all'articolo completo. L'originale è di solito in inglese.

 

 

 

 

Bibliografie di ricerca sugli effetti del Reiki
Marrone, F. (1992). Reiki è accettato in un ospedale americano. Un diario di saggezza. pp. 3.16.
Reiki visto con effetti positivi sui malati di cancro.
Clark, L. (1988). Reiki utilizzato da un medico di famiglia: un rapporto basato su 29 pazienti trattati. Uno studio che suggerisce che i trattamenti Reiki possono ridurre le visite dal medico.
Kennedy, P. (2001). Lavorare con Reiki  con i sopravvissuti alle torture a Sarajevo.
Terapie complementari in Infermieristica e Parto 7:4- Reiki e traumi
Mansour, A., Beuche, M., Laing, G., Leis A. e Nurse, J. (1999). Uno studio per testare l'efficacia delle procedure con placebo per studiare l'efficacia del Reiki, The Journal of Alternative and Complementary Medicine, 5(2):153-164. Evidenzia il fatto che si può fare.
McCabe, P., Ramsey, L., & Taylor, B. (1995). Terapie complementari per le pratiche infermieristiche in Australia (Documento di discussione n. 2). Canberra, Australia: Royal College of Nursing Australia. Suggerisce che Reiki ha un impatto positivo sui pazienti trattati
Olson, K. & Hanson, J. (1997). Usare Reiki per il dolore: un rapporto preliminare, prevenzione e controllo del cancro. 1(2):108-13. Studio del Reiki e del dolore causato dal cancro.
Oschman, JL (2000). Medicina energetica, le basi scientifiche. Churchill Livingstone, Edimburgo.
Scienza e Reiki.
Wetzel, WS (1989). Reiki Healing: una prospettiva fisiologica. Giornale di infermieristica olistica,
1, 47-54. Cambiamenti significativi nei livelli di emoglobina ed eratocrito dopo i trattamenti Reiki
.


 

 

bottom of page